MARKET MOVER 22 MAGGIO 2018

WB ADVISORS

MARKET MOVER 22 MAGGIO 2018

Le notizie per gestire il rischio di cambio

Buongiorno,

I movimenti che avevamo previsto nel report mensile relativi al  mercato dei Government Bond si stanno materializzando con segnali di vendita che si stanno rafforzando sia nel comparto degli Emergenti che in quello dei Global  Bond. Il segmento dei corporate e degli Hi Yield Euro sta anch’esso maturando segnali di negatività. Unica area immune da tale debolezza è quella che appartiene al comparo dei governativi europei esclusa l’Italia. E’ il segno che mentre nel mondo consolida al momento la tendenza al rialzo dei rendimenti, nell’Eurozona va in scena una storia diversa. L’avversione al rischio che si sta materializzando verso il nostro Paese sta anestetizzando i rendimenti sul tratto lungo della curva delle emissioni core, primo fra tutti il Bund tedesco.

Per noi costituisce il segnale che si sta profilando uno scenario abbastanza analogo a quello che si è visto nel 2011. Lo spread ha già superato i primi livelli di allerta, come abbiamo avuto modo di scrivere ancora la scorsa settimana e mettere in evidenza nell’Outlook mensile di maggio. Ora si appresta ad affrontare altre aree tecniche significative. non sappiamo con quali volumi di acquisto abbia risposto la BCE, attraverso l’ancora attivo programma QE, alle vendite di BTP. A giudicare dal movimento verticale del rialzo dello spread ci sembra che sia alla finestra. Probabilmente è solo un’impressione. Ma nel caso in cui si dovesse violare anche area 185/190, entreremmo in un loop regressivo per il secondario assai serio.

A far da corollario ai segnali di avversione al rischio vi sono anche gli acquisti di monete polarizzate sull’euro: corona svedese e norvegese (vedi il nostro report FX Risk Management Strategy).

L’ euro dollaro invece dopo aver testato il nostro target a 1,17 ha reagito aprendo una fase correttiva. Non ci attendiamo grandi reazioni, tuttavia la prima gamba riflessiva dell’euro potrebbe essersi conclusa. In linea con quanto descritto nell’Outlook di maggio prevediamo che il movimento di copertura sull’euro rientri nell’ambito di un rimbalzo a seguito del quale dovremmo assistere ad un significativo break out di cui parleremo nel prossimo WB PERSPECTIVES di Giugno.

Wall Street nel frattempo  continua a beneficiare del break up di 2680/700 accumulando forza.  Dovremo verificare quanto questa forza sia in grado di spingere i valori verso i precedenti massimi confermando anche in questo caso la strategia indicata nel nostro report di ricerca mensile: area 2825 & 2950/3000.

Infine sull’Italia continuiamo ad aspettarci una flessione dell’azionario. Non possiamo  esprimere giudizi particolarmente negativi visto la presenza di un livello tecnico che delimita in ancora positivo la struttura del trend avviato nell’estate 2016: in questo caso l’area 22500/22000 costituisce un importante fascia di sostegno tecnico.

WB ANALYTICS FTSE MIB

WB ANALYTICS FTSE MIB

WB ANALYTICS 10 Y DE

WB ANALYTICS 10 Y DE

WB ANALYTICS SPREAD 10 Y IT DE

WB ANALYTICS SPREAD 10 Y IT DE

 

MARKET MOVER le notizie che aiutano la gestione del rischio di cambio

MARKET MOVER
le notizie che aiutano la gestione del rischio di cambio

FOREX – Il dollaro scambia sotto il massimo di 5 mesi nei confronti di un paniere di divise dopo il forte rialzo legato all’incremento dei tassi Usa e sulla scia dell’ammorbidimento delle tensioni Usa-Cina. Attorno alle 7,30, il cambio euro/dollaro vale 1,1779, in calo dello 0,01%, dopo aver chiuso a 1,1790. Alla stessa ora dollaro/yen a 110,91, in calo di 0,13% dopo una chiusura a 111,04 e il cross euro/yen cede lo 0,23% a 130,63 (chiusura a 130,93).
GREGGIO – Prezzi in rialzo sui timori che la produzione del Venezuela possa diminuire ulteriormente dopo le recenti elezioni. Attorno alle 7,30 i derivati sul Brent scambiano in rialzo di 22 cent a 79,44 dollari il barile, e quelli sul greggio Usa di 25 cent a 72,49 dollaro.
GOVERNO – Occhi puntati sulla reazione dei mercati dopo che M5S e Lega ieri sono saliti al Quirinale e hanno proposto al Capo dello Stato il giurista Giuseppe Conte come candidato premier. Secondo quanto riferito da una fonte vicina al presidente della Repubblica, che ha convocato per questa mattina i presidenti di Camera e Senato, la mossa del Colle indica che il capo dello Stato ha deciso di prendersi una pausa di riflessione. Sembra dunque improbabile che l’incarico possa essere affidato già in giornata. Se ieri Di Maio ha chiesto agli osservatori internazionali di far partire il governo prima di criticarlo, Salvini ha assicurato che l’Europa non ha nulla di cui preoccuparsi e che saranno rispettati “nei limiti del possibile” normative e vincoli Ue, mentre la politica economica sarà orientata ad aumentare la crescita, per ridurre il peso del debito.
BTP – Ancora forte la pressione sul debito italiano, a segnalare il nervosismo degli investitori su nomi e agenda del nuovo governo. Il tasso del decennale italiano è salito fino 2,42%, massimo da marzo 2017, da 2,22% di venerdì sera; lo spread con l’analoga scadenza del Bund si è allargato fino a 190 pb, massimo dal 9 giugno 2017, da 164 pb della chiusura di venerdì. Secondo Fitch, la politica del nuovo governo potrebbe aumentare i rischi sui conti pubblici ma l’agenzia ritiene che l’ammorbidimento dei toni antieuropeisti e i vincoli legali in essere rendano improbabile l’uscita dall’euro.
COMMISSIONE SU ITALIA – Nelle raccomandazioni Paese per Paese che Bruxelles pubblicherà domani, secondo ‘Repubblica’, l’esecutivo Ue ammonirà l’Italia sul fronte pensioni invitandola a tagliare quelle più alte non interamente coperte da contributi, nell’ottica di sollecitare Roma a non toccare la riforma Fornero. Sul fronte dei conti pubblici, Bruxelles ribadirà che il debito italiano è un fattore di rischio per l’euro e stigmatizzerà il buco da 5 miliardi nei conti 2018 ma, sempre secondo il quotidiano, Juncker sarebbe orientato a rimandare l’escalation all’autunno, senza sollecitare una manovra bis immediata per non radicalizzare subito lo scontro con l’eventuale nuovo governo Lega-M5s.
INCONTRO SUDCOREA-USA – Da monitorare attentamente a tre settimane dallo storico summit Usa-Corea del Nord, l’incontro alla Casa Bianca tra Trump e il presidente sudcoreano Moon Jae-in mentre i funzionari Usa cercano di capire quanto Pyongyang si stia impegnando nei negoziati sulla denuclearizzazione. L’incontro odierno assume una maggior rilevanza dopo che Pyongyang la scorsa settimana ha minacciato di non partecipare al summit del 12 giugno a Singapore.
ISTAT – Possibili indicazioni rispetto all’andamento della congiuntura dopo un primo trimestre in cui il Pil ha mantenuto un pur modesto ritmo di crescita (+0,3% su trimestre) dovrebbero arrivare da Istat che pubblica il rapporto sulle prospettive dell’economia italiana per quest’anno.
KURODA – Il governatore della Banca centrale giapponese ha detto che l’istituto farà sapere ai mercati come intende abbandonare la propria politica ultra-accomodante quando le condizioni per centrare l’obiettivo sui prezzi al consumo saranno concrete. Kuroda però ha avvertito che è prematuro discutere quando la BoJ uscirà dal suo programma di stimolo dato che l’inflazione è ancora lontana dal target del 2%. In una audizione alla Camera alta del Parlamento, Kuroda ha detto che “comunicheremo i dettagli di come intendiamo uscire dal programma quando l’inflazione accelererà verso il 2% e le condizioni per centrare il nostro obiettivo si materiliazzeranno in modo graduale”.
TREASURIES – Governativi Usa in rialzo negli scambi asiatici. Il decennale di riferimento guadagna 2/32 con un tasso di 3,056% da confrontare con il 3,128% visto venerdì, massimo dal luglio 2011.
DATI MACROECONOMICI
ITALIA
Istat, prospettive per l’economia italiana nel 2018 (10,00).
USA
Scorte settimanali greggio Api (22,30).
ASTE DI TITOLI DI STATO
EUROPA
Spagna, Tesoro offre titoli di Stato a 3 e 9 mesi.
USA
Washington, Tesoro offre 26 miliardi di dollari titoli di Stato a 52 settimane, scadenza 23/5/2019; 33 miliardi di dollari titoli di Stato a 2 anni, scadenza 31/5/2020.
BANCHE CENTRALI
EUROPA
Svezia, riunione board esecutivo Riksbank (9,00).
Zona euro, intervento Liikanen (Bce) su politica monetaria e previsioni economiche a Helsinki (11,00).
APPUNTAMENTI
ITALIA
Roma, Agenzia Entrate e Abi presentano il rapporto immobiliare residenziale 2018 con Sabatini (10,00).
EUROPA
Bruxelles, riunione Consiglio Affari Esteri.
USA
Washington, Trump riceve presidente Corea del Sud Moon Jae-in, prima dell’incontro con leader Corea del Nord Kim Jong Un.