MARKET MOVER 29.11.2017

FED – Dopo l’intervento di ieri di Powell alla commissione bancaria del Senato, Yellen parlerà sulle prospettive dell’economia nel pomeriggio davanti al comitato economico del Congresso. Da monitorare anche le parole del presidente della Fed di New York Dudley e di quello della Fed di S.Francisco Williams.

FOREX – Dollaro pressoché piatto nei confronti dello yen, sostenuto dai dati macro Usa robusti. Relativamente modesto finora l’impatto sui mercati valutari del missile lanciato dalla Corea del Nord ieri sera con gli investitori concentrati sulla risposta degli Stati uniti. In rialzo anche la sterlina sulla scia della notizia secondo cui si sarebbe raggiunto un accordo di massima tra Ue e Gb sui costi della Brexit. Attorno alle 7,30, il cambio euro/dollaro vale 1,1853, in rialzo dello 0,12%, dopo aver chiuso a 1,1839. Alla stessa ora dollaro/yen piatto a 111,47 e il cross euro/yen scambia in rialzo di 0,14% a 132,16 (chiusura a 131,97).

DATI USA – Importanti soprattutto in chiave Fed, i dati che verranno diffusi nel primo pomeriggio in particolare la seconda lettura del Pil del terzo trimestre per cui le attese convergono su +3,2% dal 3,0% della precedente lettura.

MISSILE COREA NORD – Da valutare la eventuale reazione dei mercati al nuovo lancio da parte della Corea del Nord di un missile balistico intercontinentale che avrebbe potuto colpire tutto il territorio Usa. Pyongyang ha dichiarato inoltre di aver raggiunto l’obiettivo a lungo atteso di diventare una potenza nucleare.

ASTA BTP – Si chiude con il collocamento a medio lungo la sessione di aste di fine mese, l’ultima con regolamento nel 2017 dopo che il Tesoro ha cancellato l’analogo appuntamento di metà dicembre. L’offerta è particolarmente leggera alla luce della decisione di Via XX Settembre di non riaprire il Btp a 5 anni, limitandola a 3,5 miliardi massimi in Btp a 10 anni (1,25-1,75 miliardi) e Ccteu (1,25-1,75 miliardi). I rendimenti sono visti in calo: in chiusura infatti il tasso del Btp di riferimento con scadenza agosto 2027 valeva 1,78% rispetto a 1,86% del collocamento di fine ottobre. Se confermato si tratterebbe del minimo da fine dicembre 2016.

ASTA TEDESCA – Attiva sul primario anche la Germania che offre 3 miliardi nel titolo di Stato a cinque anni con scadenza ottobre 2022. Nell’asta di inizio novembre il tasso era sceso a -0,39% dal precedente -0,26%.

MERCATO – Prosegue il trend positivo che ha interessato in generale la carta italiana e della zona euro nelle ultime settimane. Il differenziale di rendimento tra Italia e Germania sul tratto decennale ripartirà da 144 punti base mentre il tasso del decennale di riferimento da 1,78%.

MANOVRA – Approda al Senato il testo della legge di bilancio il cui via libera è atteso entro la fine della settimana per poi passare alla Camera. Intanto un emendamento dei relatori prevede un fondo da 50 milioni a favore dei risparmiatori danneggiati per aver acquistato prodotti ad alto rischio senza esser stati informati adeguatamente. Inoltre, è stato dato l’ok a un fondo da 240 milioni in tre anni per ridurre il superticket da 10 euro a favore delle fasce più disagiate. La settimana scorsa la Commissione europea ha rinviato alla prossima primavera il giudizio finale sulla manovra chiedendo un maggior calo del debito/Pil, obiettivo che per Bruxelles va raggiunto prendendo ulteriori misure rispetto a quelle contenute nella legge di bilancio.

INFLAZIONE GERMANIA – Dal lato macro l’attenzione degli investitori si concentra sulla stima ‘flash’ dei prezzi al consumo tedeschi di novembre, importanti soprattutto in chiave Bce. Per il dato armonizzato, le attese proiettano una lettura a +0,2% su mese e a +1,7% su anno dopo rispettivamente il -0,1% e il +1,5% finale di ottobre.

ECONOMIC SENTIMENT – Altro indicatore macro di rilievo relativo alla zona euro giungerà dalla Commissione europea con l’economic sentiment di novembre. Il consensus Reuters prevede un rialzo a 114,6 dopo il 114,0 di ottobre.

BREXIT – Secondo fonti europee, Londra e la Ue avrebbero raggiunto un’intesa sui costi della Brexit che renderebbe più agevole il prosieguo dei negoziati su un accordo di libero commercio. A fronte di una richiesta da parte di Bruxelles di 60 miliardi di euro, Londra avrebbe acconsentito a pagare 45-55 miliardi, secondo quanto scritto da alcuni quotidiani. Un funzionario del governo britannico ha detto di “non riconoscere” quanto scritto sui colloqui che si starebbero tenendo in vista della visita di May a Bruxelles lunedì prossimo.

DATI GIAPPONE – A ottobre, per la prima volta in un anno, le vendite al dettaglio hanno registrato un calo, sulla scia delle cattive condizioni meteo che hanno tenuto i consumatori lontano da negozi e ristoranti. A perimetro annuo la flessione è stata di 0,2%, in linea con le attese.

GREGGIO – Prezzi in calo sulla scia dei dubbi che Opec e Russia possano giungere a un’intesa sull’estensione dei tagli alla produzione e sui dati Api che certificano un inatteso incremento delle scorte Usa. Attorno alle 7,30 i derivati sul Brent scambiano in calo di 43 cent a 63,18 dollari il barile e quelli sul greggio Usa di 30 cent a 57,70 dollari.

TREASURIES – Prezzi dei governativi Usa in rialzo negli scambi asiatici invertendo la rotta rispetto alla precedente seduta. Il decennale di riferimento guadagna 3/32 con un tasso di 2,324%.

DATI MACROECONOMICI
ITALIA
Istat, imprese multinazionali anno 2015 (10,00).

FRANCIA
Spese consumatori ottobre (8,45) – attesa -0,1% m/m.
Dettagli Pil trim3 (8,45) – attesa 0,50% t/t.

GERMANIA
Stima prezzi consumo novembre (14,00) – attesa dato nazionale 0,3% m/m; 1,7% a/a; dato armonizzato 0,2% m/m; 1,7% a/a.

GRAN BRETAGNA
Crediti ai consumi ottobre (10,30) – attesa 1,5 miliardi.

PORTOGALLO
Fiducia imprese e consumatori novembre (10,30).
Tasso disoccupazione ottobre (12,00).
Pil finale trim3.

SPAGNA
Stima flash prezzi consumo novembre (9,00).

ZONA EURO
Economic sentiment novembre (11,00) – attesa 114,6.

USA
Seconda stima Pil trim3 (14,30) – attesa 3,2%.
Stima indice prezzi Pce ‘core’ trim3 (14,30) – attesa 1,4%.
Vendite immobiliari in corso ottobre (16,00).
Scorte settimanali prodotti petroliferi Eia (16,30).

ASTE DI TITOLI DI STATO
ITALIA
Tesoro offre 1,25-1,75 miliardi undicesima tranche Btp a 10 anni scadenza 1/8/2027 e 1,25-1,75 miliardi terza tranche Ccteu scadenza 15/4/2025.

EUROPA
Germania, Tesoro offre 3 miliardi Bobl 5 anni 7/10/2022.

BANCHE CENTRALI
EUROPA
Gran Bretagna, intervento governatore BoE Carney su regolamentazione del mercato a Londra (15,00).
Zona euro, Bce pubblica rapporto Safe su accesso imprese a finanziamenti (10,00) e rapporto Financial Stability Review (11,00).
Zona euro, intervento consigliere Bce Knot a Londra (21,00).

USA
Washington, audizione Yellen a comitato economico Congresso su outlook economia (16,00).
Washington, Fed pubblica Beige Book (20,00).
New Brunswick, intervento presidente Fed New York Dudley (14,30).
Phoenix, intervento presidente Fed S.Francisco Williams (19,50).

NUOVA ZELANDA
Wellington, banca centrale pubblica rapporto stabilità finanziaria.

APPUNTAMENTI
ITALIA
Roma, manovra approda in aula Senato (9,30).
Roma, a Commissione Affari Esteri congiunta con Politiche Europee del Senato audizione informale Ambasciatrice Gb Jill Morris su Brexit (13,00).
Roma, a Commissione Finanze della Camera audizione Panetta (Bankitalia) su impatto tecnologia finanziaria (15,00).
Roma, a Commissione Lavoro della Camera audizione Boeri (13,45).
Milano, in Borsa “Small Cap Conference” con Pagani (Mef), Galli (Assogestioni) (dalle 8,30).

AFRICA
Abidjan (Costa d’Avorio), Gentiloni partecipa a Quinto Vertice Ue-Africa (13,30).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento