MARKET MOVE 27.11.2017

GERMANIA VERSO NUOVA GRANDE COALIZIONE – Sembra ormai spianata la strada di un’intesa Cdu-Spd in Germania per la formazione del nuovo governo, dopo la rottura una settimana fa della trattativa a tre tra il partito di Angela Merkel, i Liberali e i Verdi, che aveva portato la politica tedesca in un momento di stallo destando preoccupazione in tutta Europa. Venerdì scorso la Spd ha rimesso in discussione la propria decisione di passare all’opposizione — maturata a seguito della sconfitta elettorale — aprendo a una trattativa per una nuova ‘grande coalizione’; la Cdu ha a sua volta deciso, in una riunione dei capi del partito svoltasi ieri, di puntare a un nuovo accordo con i Socialdemocratici. Per giovedì è previsto un incontro tra il presidente della Repubblica Steinmeier, Angela Merkel e il leader dell’Spd Schulz.

ASTA CTZ – Potrebbe segnare un nuovo minimo storico di rendimento il Ctz nell’asta odierna, in cui il titolo verrà offerto per un importo fino a 2 miliardi di euro. Venerdì in chiusura di seduta sul secondario il Ctz scambiava al rendimento di -0,243%, contro il minimo storico d’asta di -0,220% registrato nel collocamento di fine settembre.

ANNUNCI MEDIO LUNGO – Il Tesoro ha cancellato le aste a medio lungo di metà dicembre e, in quelle di fine novembre (in agenda mercoledì) che a questo punto saranno le ultime a medio lungo con regolamento sul 2017, offrirà solo Btp decennali e Ccteu — e nessun quinquennale — per un importo massimo complessivo di soli 3,5 miliardi.
Entrambe le decisioni riflettono l’ormai avvenuto completamento del programma di rifinanziamento di quest’anno e l’ampia disponibilità di cassa, come evidenziato anche dalla recente decisione di condurre un’operazione di riacquisto su titoli di Stato da circa 5,5 miliardi.

BTP – I Btp ripartono stamane da un tasso decennale di 1,83% e da uno spread su Bund di 146 pb, dopo essersi riavvicinati la settimana scorsa ai minimi da circa un anno toccati a inizio novembre, rispettivamente a 1,70% e 136 pb, grazie anche all’operazione di buyback condotta dal Tesoro mercoledì. In particolare una correzione si è vista nella seduta di venerdì, legata secondo gli operatori a riposizionamenti sulla carta ‘core’ — da quella francese a quella tedesca — che ha generato vendite anche sui periferici (in un mercato dai volumi assottigliati dopo la festa del Ringraziamento negli Usa).

FIDUCIA CONSUMATORI E IMPRESE – Istat diffonde i numeri sulla fiducia di imprese e consumatori italiani in novembre, di fatto gli unici dati della giornata in Europa. In ottobre, l’indice di fiducia dei consumatori era salito al massimo da gennaio 2016 a 115,6 punti (e le stime sono per un’ulteriore lieve salita, a 116,4 punti), mentre quello sulla fiducia delle imprese si era a sua volta portato al livello più alto dal maggio 2007, a quota 110,5.

GREGGIO – Prezzi petroliferi deboli questa mattina, in particolare per il Nymex, il greggio Usa, sulle prospettive di un aumento della produzione negli Stati Uniti, dove questo mese in numero dei siti estrattivi attivi è tornato a salire per la prima volta da luglio. Il mercato resta comunque prossimo ai massimi da due anni, per effetto dei tagli dell’output che l’Opec e altri Paesi non Opec stanno conducendo. Alle 7,15 italiane il future Brent scambia a 63,85 dollari il barile (-0,01), il Nymex a 58,71 dollari (-0,24).

FOREX – A dare sostegno alla valuta unica è peraltro ancora il forte dato di venerdì scorso sulla fiducia delle imprese tedesche, l’indice Ifo, salito in novembre a un nuovo record. Il cambio euro/dollaro tratta a 1,1929/33 da 1,1930 dell’ultima chiusura, dopo essere salito venerdì fino a 1,1946. Euro/yen a 132,78/82 da 133,20, con un picco venerdì a 133,24, il livello più alto dal 16 novembre. Dollaro/yen a 111,33/36 da 111,53.

TREASURIES – I governativi Usa si muovono in leggero calo nelle contrattazioni asiatiche della mattinata. Oggi sui Treasury sono attesi volumi in risalita dopo la seduta festiva di giovedì scorso, per il Ringraziamento, e la chiusura anticipata del mercato di venerdì. Il focus degli operatori va ai prossimi dati sui prezzi al consumo, in uscita giovedì, alla luce di un’inflazione che rimane tenacemente bassa negli Usa, nonostante la solida crescita economica. Il benchmark decennale Usa cede 2/32, rendimento a 2,345%.

DATI MACROECONOMICI
ITALIA
Istat, fiducia consumatori novembre (10,00).
Istat, fiducia imprese novembre (10,00).

USA
Vendita nuove case unifamiliari ottobre (16,00) – attesa 620.000 milioni, -6,3%.

ASTE DI TITOLI DI STATO
ITALIA
Tesoro offre 1,5-2 miliardi terza tranche Ctz scadenza 30/10/2019.

EUROPA
Norvegia, Tesoro offre 3 miliardi corone norvegesi titoli di Stato scadenza 20/6/2018.

USA
Tesoro offre 42 miliardi di dollari titoli di Stato a 13 settimane, scadenza 1/3/2018; 36 miliardi di dollari titoli di Stato a 26 settimane, scadenza 31/5/2018; 26 miliardi di dollari titoli di Stato a 2 anni, scadenza 30/11/2019; 34 miliardi di dollari titoli di Stato a 5 anni, scadenza 30/11/2022.

BANCHE CENTRALI

APPUNTAMENTI
ITALIA
Roma, inizia IX conferenza nazionale su efficienza energetica, atteso Calenda.
Milano, convegno “Azioni per il rilancio del cargo aereo” con COO Sea De Metrio, AD Adr de Carolis, presidente Assaeroporti Palenzona, commissario Alitalia Paleari, DG Enac Quaranta; conclusioni Delrio (10,30).
Milano, incontro pubblico “Una nuova fiscalità per l’innovazione e l’ambiente” con vice ministro Economia Casero (18,00).
Napoli, incontro pubblico “Le nuove opportunità per i giovani” con de Magistris, Martina, De Luca, De Vincenti, Sabatini, Arcuri (10,30).

EUROPA
Bruxelles, riunione Consiglio Affari Esteri.

AFRICA
Angola, Gentiloni a Luanda incontra il Presidente Joao Lourenco.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento