MARKET MOVER 15 MAGGIO 2018

RISKOO MARKET MOVER le notizie per la tua gestione del rischio di

MARKET MOVER 15 MAGGIO 2018

Le notizie per gestire il rischio di cambio

 

FOREX – Dollaro in leggera risalita dai minimi da oltre una settimana rispetto al paniere delle principali valute internazionali, guidato dal rialzo dei rendimenti sui Treasury. Il cambio euro/dollaro tratta a 1,1919/21 da 1,1925 dell’ultima chiusura dopo essere risalito ieri a 1,1996, il livello più alto dal 3 maggio. Dollaro/yen in apprezzamento a 109,88/89 da 109,65. Euro/yen a 131,00/02 da 130,77.

GREGGIO – Quotazioni petrolifere in tenuta sui massimi recenti, grazie alla prosecuzione dei tagli produttivi da parte dell’Opec e alla minaccia di sanzioni Usa contro l’Iran. Alle 7,30 italiane il future Brent scambia a 78,27 dollari il barile (+0,04), non lontano dal massimo da tre anni e mezzo registrato ieri a 78,53; il Nymex scambia a 70,97 dollari (+0,01), dopo il massimo da novembre 2014 della settimana scorsa a 71,89.

GOVERNO, MANCA ANCORA ACCORDO – Non c’è ancora l’accordo di governo tra Lega e M5s che hanno ottenuto più tempo per la trattativa, ma l’impressione di molti è che i due partiti fatichino a trovare l’intesa sulla figura del prossimo presidente del Consiglio, che sarà chiamato a realizzare i massicci aumenti di spesa previsti dalle politiche annunciate. Serve “qualche altro giorno per concludere definitivamente la discussione” ha detto Di Maio dopo essere stato ricevuto dal presidente della Repubblica, che ha deciso di concedere più tempo affinché possa nascere un governo politico che arrivi a fine legislatura. Salvini ha confermato che “l’accordo ancora non c’è” su tutti i punti qualificanti, immigrazione in primis. La Lega ha annunciato per il fine settimana un referendum informale sul programma di governo, mentre per i 5s ogni eventuale accordo dovrà essere votato on-line.

SECONDARIO – I Btp ripartiranno stamane da un rendimento decennale di 1,91% e da uno spread su Bund di 129 punti base dopo la seduta debole di ieri, in cui comunque la carta italiana ha registrato una performance migliore rispetto a quella tedesca. Il mercato resta concentrato sugli sviluppi politici interni. Anche se finora non ha causato un allargamento sostanziale, l’incertezza sulla formazione del governo ha intanto spinto i credit default swap sul debito dell’Italia al massimo di quasi quattro settimane (a 97 pb), dopo la discesa al minimo da settembre 2014 registrata alla fine del mese scorso.

BTP ITALIA – Riprende stamane l’offerta del nuovo Btp Italia maggio 2026 agli investitori retail, dopo che ieri, al termine della prima giornata, le richieste hanno raggiunto i 2,306 miliardi. L’offerta al retail prosegue domani, salvo chiusura anticipata, mentre quella agli investitori istituzionali si terrà nella mattinata di giovedì.

PORTAFOGLIO ESTERI – Fra le varie pubblicazioni di Banca d’Italia in agenda, c’è quella su “Finanza pubblica, fabbisogno e debito”, contenente i dati sul portafoglio dei titoli di Stato italiani in mano a investitori esteri nel mese di febbraio. A gennaio il controvalore dei titoli emessi dal Tesoro italiano e detenuti da investitori non residenti era risultato in crescita a 691,689 miliardi di euro dai 681,010 miliardi di dicembre (rivisto). In base a calcoli Reuters sui dati di via Nazionale, a gennaio la quota dei governativi italiani in mano ai non residenti è passata a 35,8% del totale dei titoli in circolazione da 35,6% del mese precedente.

DATI ZONA EURO – In arrivo da Eurostat i numeri relativi alla produzione industriale di marzo, che da attese dovrebbe vedere un incremento di 0,7% su mese e di 3,7% su anno dopo il calo di 0,8% su mese e il +2,9% su anno di febbraio, al di sotto delle attese. Sempre in mattinata verrà resa nota anche la stima ‘flash’ del Pil del blocco relativa al primo trimestre. In questo caso le attese proiettano una crescita dello 0,4% su trimestre e del 2,5% a perimetro annuo, in calo rispettivamente da +0,6% e +2,7% del quarto trimestre del 2017.

DATI GERMANIA – In arrivo il preliminare sul Pil tedesco del primo trimestre, atteso in rallentamento a +0,4% congiunturale, dopo il +0,6% del quarto trimestre 2017. Berlino pubblicherà anche l’indagine congiunturale Zew sulla fiducia economica del Paese: la lettura di maggio è attesa a -8,2, invariata rispetto al minimo da novembre 2012 segnato in aprile. Diffuso a fine aprile, l’indice Gfk sulla fiducia dei consumatori tedeschi in vista del mese di maggio si è attestato a 10,8 punti dai 10,9 del mese precedente sui timori di un confronto tra Occidente e Russia in Siria e delle possibili conseguenze economiche delle politiche protezionistiche americane.

COEURE’ SU RISCHIO ECCESSO LIQUIDITÀ – L’eccesso di liquidità creato dalla Bce attraverso il Qe potrebbe danneggiare la politica monetaria futura, limitando artificialmente il movimento di alcuni tassi di interesse. L’avvertimento è stato lanciato ieri sera da Coeuré, che ha comunque ripetuto che per il momento il tasso principale rimarrà al livello attuale per un periodo prolungato. “C’è il rischio che, nell’attuale contesto, alcuni tassi di mercato a breve termine non rispondano pienamente ai cambiamenti del tasso principale” ha detto il consigliere esecutivo Bce.

DATI CINA – La produzione industriale cinese è salita del 7,0% su anno in aprile, oltre le attese di incremento del 6,3%; ma a ridimensionare la notizia positiva è giunto il dato sugli investimenti fissi, che nei primi quattro mesi del 2018 registra una crescita in rallentamento, a +7,0% dal 7,5% del periodo gennaio-marzo, più ampio rispetto alle stime di +7,4%. Sotto le attese sono risultate poi le vendite al dettaglio, cresciute in aprile del 9,4% (dopo il +10,1% del mese precedente), su stime per un +10,1%, a completare un quadro che suggerisce la progressiva perdita di slancio dell’economia.

TREASURIES – Governativi Usa in calo nelle contrattazioni della mattinata, in linea col movimento della seduta di ieri, sulla percezione di un allentamento delle tensioni commerciali con la Cina. Il benchmark decennale Usa cede stamane 7/32, con rendimento in salita al 3,019%.

DATI MACROECONOMICI

GERMANIA

Stima flash Pil trim1 (8,00) – attesa 0,4% t/t; 1,8% a/a non destagionalizzato; 2,4% a/a destagionalizzato.

Indice Zew maggio (11,00) – attesa -8,2%.

GRAN BRETAGNA

Tasso disoccupazione marzo (10,30) – attesa 4,2%.

PORTOGALLO

Stima Pil trim1 (10,30) – attesa 0,5% t/t.

ZONA EURO

Stima flash Pil trim1 (11,00) – attesa 0,4% t/t; 2,5% a/a.

Produzione industriale marzo (11,00) – attesa 0,7% m/m; 3,7% a/a.

USA

Indice manifatturiero Fed New York maggio (14,30) – attesa 15,0.

Vendite al dettaglio aprile (14,30) – attesa 0,3% m/m.

Scorte all’industria marzo (16,00) – attesa 0,1% m/m.

Flussi netti investimenti marzo (22,00).

ASTE DI TITOLI DI STATO

ITALIA

Seconda giornata offerta nuovo Btp Italia maggio 2026 rivolta a investitori retail, termina il 16 maggio con facoltà chiusura anticipata oggi.

BANCHE CENTRALI

ITALIA

Banca d’Italia, ‘Mercato finanziario’ di marzo.

Banca d’Italia, supplemento al bollettino statistico “Finanza pubblica, fabbisogno e debito” di marzo.

Banca d’Italia, debito lordo delle Amministrazioni pubbliche 1° trimestre.

Banca d’Italia, debito lordo delle Amministrazioni centrali 1° trimestre.

USA

Washington, a commissione bancaria del Senato audizioni su nomina Clarida a vice presidente Fed, Bowman a membro board Fed (16,00).

New York, intervento presidente Fed Dallas Kaplan (14,00).

Minneapolis, intervento presidente Fed San Francisco Williams (19,10).

APPUNTAMENTI

ITALIA

Roma, a commissioni speciali riunite alla Camera, audizioni su Def di Regioni (11,00), Cgil, Cisl e Uil (12,00), Confindustria (15,45), Rete imprese Italia (16,30) e Ance (17,15).

Milano, presentazione libro di Salvatore Rossi “Oro” con l’autore, presidente Borsa Sironi (18,00).

Genova, Mattarella in visita all’ospedale Gaslini (mattinata).

EUROPA

Bruxelles, responsabile politica estera Ue Mogherini incontra ministri Esteri Francia, Germania e Gb per discutere posizione su accordo sul nucleare iraniano.

Bruxelles, Fmi pubblica rapporto semestrale “Regional Economic Outlook for Europe – Spring 2018” (13,00).

Sofia, premier spagnolo Rajoy in visita ufficiale.

MEDIO ORIENTE

Iraq, elezioni consiglio dei rappresentanti.